Nonne “alla pari”. Un modo diverso di fare vacanza


Si dedicano ai bambini in cambio di vitto e alloggio presso una famiglia all’estero. Così le signore over50, entrano in contatto con culture diverse mettendo a disposizione la loro esperienza di nonne.

«Cercasi giovane famiglia con bambini di cui prendersi cura, in cambio di vitto e alloggio. Offresi sani principi, esperienza, gioia di vivere, pazienza e tanto altro da scoprire insieme».
Potrebbe essere uno dei tanti annunci di ricerca di un lavoro, solo che questo ha una particolarità: è di una signora over50 che si offre come “nonna alla pari” presso una famiglia che risiede in un Paese diverso dal proprio.
L’idea di “Nonna alla pari” è nata qualche anno fa a Michaela Hnasen, 53 anni, di Amburgo, fondatrice di Granny Aupair.
Michaela si è chiesta quale potesse essere il modo migliore di far viaggiare donne in pensione senza far spendere loro cifre esorbitanti. Da qui l’idea della formula “alla pari”: in cambio di ospitalità la signora over50 entra a far parte della famiglia prendendosi cura dei bambini non come semplice baby sitter ma mettendo a disposizione la propria esperienza e l’amore che solo una nonna sa offrire.

Previous "Cambio vita". Crescono i divorzi tra gli over50
Next In vacanza è importante dormire bene per rimettersi in forma

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *